726 views 0 comments

Reset Festival 2012 – 7 e 8 Settembre – Torino

by on 28 agosto 2012
 

Il _resetfestival torna a Torino venerdì 7 e sabato 8 settembre 2012 per la quarta edizione titolata FAMMI SENTIRE.

Forte della sua storia e della sua formula - 6 aree dedicate, 60 band partecipanti e 25 mila spettatori per l’edizione 2011 – il _reset è l’unico festival nel suo genere, autofinanziato e gratuito per il pubblico, che non cede alle lusinghe del mainstream o a ciò che è già affermato. L’obiettivo è dare lo spazio, i mezzi e un tempo dedicato ad artisti e progetti nuovi ridisegnando il concetto di piazza per la musica: tutto ciò che è emergente trova spazio in un luogo esteso come Piazza Vittorio. La piazza della città, solitamente riconosciuta come location per l’esibizione di artisti celebri ed eventi di brand, diventa, grazie a _reset, palcoscenico di ciò che merita attenzione a prescindere dalla notorietà.

Il 7 e l’8 settembre Torino sarà cornice di musica nuova e punto di riferimento per il circuito indipendente della penisola. Jazz, rock, elettronica, pop, in set acustico o elettrico, in solo, in duo o con una band: il _reset accoglie ogni genere e ogni formazione e diventa il luogo di una triplice possibilità, quella degli artisti di farsi sentire, quella degli addetti ai lavori di ascoltare e poter scoprire nuovi talenti e quella del pubblico di incontrare ciò che piace e sperimentare ciò che non si conosce. Un festival che esce dagli schemi tradizionali degli headliner e dei main stage, termini che danno per scontato la maggiore attrattiva di alcuni gruppi rispetto ad altri, per offrire spazio agli emergenti, cercando per ciascuno la collocazione ottimale.

Ecco quindi che il _resetfestival vol.4 per l’edizione #FammiSentire si amplia rispetto alla cornice consueta di Piazza Vittorio, portando eventi diversi in luoghi altrettanto diversi.

Dalle 17 alle 24 spazio ai concerti delle tre aree di Piazza Vittorio. Sul palco saliranno tra gli altri:

_ Venerdì 7: ExXtra, We Are Waves, Le Maschere di Clara, The Chicless, Arturocontromano e Thomas;

_ Sabato 8: Levante, Daniele Celona, Ila Rosso, Francesco C, Nymphea Mate, The Grooming, Karenina, Zocaffe, Toxic Tuna e Garden of Alibis.

La piazza sarà protagonista anche degli aperitivi serali, che coinvolgeranno tutti i locali dei celebri portici in un abbraccio di accoglienza ad artisti e pubblico.

Ogni pomeriggio il _reset sarà inaugurato alle 16.00 da artisti jazz e di classica contemporanea selezionati tramite il web per creare quell’atmosfera di intimo ascolto che ha decretato il successo di eventi come gli House Concert nell’insolita cornice del cortile della Fondazione Accorsi, in Via Po 55.

Le due giornate del festival si concluderanno invece con i decibel e l’innovazione di scena dalle 23 alle 3 del mattino negli spazi dell’arte, del design e della cultura di Bunker (Via Paganini, 0/200): il venerdì sera vedrà sul palco Barriera Hip-Hop (capitanato da Mastafive), Serpenti, 2 Fat Men e il sabato 10135, Killanation e Nadàr Solo. Ad accompagnare le esibizioni live al Bunker ci saranno poi dj set e live set di Gemini Excerpt DjLiveSet, Melody Makers, Saim0n, The Recommended, Giuliano Di Bello e Ste & Tato (RockTv).

_resetfestival crea per l’imminente edizione uno spazio oltre il palco grazie ai workshop presso lo Sharing Torino in Via Ribordone 12: sabato 8 settembre i professionisti di settore, particolarmente sensibili alla nascita di nuove realtà musicali, iscutono sulle tematiche che gravitano attorno alla musica al fine di fornire ai partecipanti reali strumenti per la costruzione e la gestione di una carriera attraverso una risposta a tre domande cardine:

10.30 – 11.45 Musica: DOVE LA METTO?
rispondono: Giordano Sangiorgi (Coordinatore Mei, presidente di Audiocoop), Max Monti (produttore artistico, Quintorigo), Pietro Camonchia (Manager e fondatore di Metatron Group).
In un’epoca in cui la produzione musicale è alla portata di tutti grazie alle nuove tecnologie, la crisi dei negozi di dischi e la non-soluzione degli e-commerce, unita, almeno in Italia, ad una diffusa mancanza di curiosità da parte del pubblico, il vero dubbio di ogni musicista nasce su temi come la distribuzione e il posizionamento della musica. E allora, la musica nuova che nasce dal basso, album o EP, cd, vinili o file, su quale vetrina ha senso provare a posizionarla? Nei negozi di dischi? All’autogrill a fianco della collection dei Queen e Gigi D’Alessio? Su i-Tunes e altri digital store? Al banchetto nei concerti?

12.00 – 13.15 Musica: COME LA PRESENTO?
rispondono: Salvatore Perri (CEO, Dunter), Giuseppe Ravello (CEO, Sounday Music).
Riuscire a farsi sentire in rete non è così facile! Il web insegna che a vincere sono due logiche: il denaro investito in un posizionamento/intasamento o la creatività (come quella degli OK GO con videoclip incredibili). Nell’attesa che almeno un membro della band diventi ricchissimo o che tra tutti si sforni l’idea del secolo, come si deve muovere in rete una band nel 2012? Un grandioso sito web? Mille profili social? Trovate di marketing o sistemi di coinvolgimento dei possibili fan?

13.30 – 14.45 Musica: DOVE LA SUONO?
rispondono: Melania Erigoni (organizzatrice, Keep On), Sem Ronzoni (fondatore, SplitGigs).
Riuscire a suonare in Italia è diventato sempre più difficile: l’investimento da parte dei locali si è ridotto e sempre più spesso si sostituisce la musica dal vivo con i dj. Le situazioni pubbliche, come i festival estivi, hanno subito una contrazione notevole e raramente investono su formazioni “senza nome”. I booking sono subissati di richieste e sempre meno propensi ad investire sul rischio di una nuova formazione. Che fare? House concert? Scambio di date con altre formazioni? Emigrare all’estero? Suonare gratis rinunciando ad ogni idea di vivere di musica?

I workshop, gratuiti ma con ingresso limitato, saranno accompagnati da degustazioni offerte da M**BUN e WOK’N’ROLL. Per info e prenotazioni scrivere a info@reset.to.it con oggetto mail partecipazione workshop.

La musica del _reset nasce come playlist condivisa dall’Associazione Culturale VERVE, anima organizzativa del festival, e dagli addetti ai lavori dello scenario torinese e milanese. L’edizione 2012 ad oggi vede la collaborazione di Fondazione Arezzo Wave, Keep On, Metatron, M**BUN, Wok’n’Roll, Mei, Sounday Music, SplitGigs, Novelune, Simultanee, Urban The Best, Dunter, Sharing Torino, Bunker, Pepper Music, Barriera HipHop, La Goccia, Livinpics, Miscela Rock Festival, Officine Brand, Pronto Taxi 5737, Wok’n’roll, Audiocoop Piemonte, Torino True, Mole24, la partecipazione di Aperol Spritz, Dada Service, FattoreQ, Merula, Undesign, Livinpics, il supporto dell’Associazione Commercianti di Piazza Vittorio e la collaborazione di un gran numero di persone tra tecnici e personale organizzativo: tutti musicisti e parte integrante di quel panorama artistico cui il festival vuole dare voce.

Be the first to comment!
 
Leave a reply »

 

Leave a Response