944 views 0 comments

Intervista a i Kobe – Band Emergente di Torino

by on 19 aprile 2013
 

Continuiamo la nostra rubrica di interviste alle band emergenti più interessanti, oggi abbiamo intervistato i Kobe.

 

MyRock: Salve Ragazzi, benvenuti su Myrock.it

Innanzitutto, per chi ancora non vi conosce raccontateci chi sono i Kobe.

Kobe: Ciao, e grazie per averci accolto su Myrock.it! I Kobe sono 4 ragazzi di Torino che fanno musica da sempre. Da quasi un paio d’anni abbiamo deciso di unire le nostre esperienze e attitudini musicali nei Kobe e da lì ne è nata una miscela forte, interessante e molto esposiva. Abbiamo cominciato la nostra avventura musicale solo due anni fa ma dopo poco ci siamo ritrovati a calcare palchi importanti e a toglierci molte soddisfazioni. Fare musica è molto faticoso e richiede tempo e perseveranza. Ma tutto ciò è anche inebriante e ti regala molte soddisfazioni.
MyRock:  Siete stati definiti “Il suono di Torino”, quanto è forte il vostro legame con la città e la vostra terra in questi periodi di crisi e voglia di fuga dall’Italia?

Kobe: Il legame con la nostra città è fortissimo. Torino è un gran bel posto in cui vivere e fare musica, o almeno noi la pensiamo così. Non abbiamo vissuto gli anni grigi della città-fabbrica e delle difficoltà di sviluppo per il movimento artistico e musicale. Quando abbiamo cominciato a fare musica noi, a Torino potevi trovare una sala prove per ogni quartiere. Ancora oggi la scena è molto ricca e stimolante, sebbene l’indotto musicale sia in crisi a Torino così come in tutta Italia. Le nostre radici affondano intensamente nella città, il nostro sound proviene da lontano ma si esprime con il linguaggio contemporaneo. Per questo difendiamo con orgoglio “Il Suono di Torino” e vogliamo continuare ad esserne i portavoci insieme ad altre band della città.
MyRock: Quali sono le vostre influenze, a quali artisti vi ispirate e quali ascoltate con più piacere?

Kobe: Le nostre influenze vanno in 4 direzioni quasi contrapposte. Per fortuna veniamo da generi musicali molto diversi tra loro e quindi in fase di composizione e arrangiamento dei brani ogni membro della band può mettere del suo. Nei Kobe c’è chi in passato suonava punk e hardcore, funky, dance, elettronica o grunge. Se fai un viaggio insieme a noi sicuramente non ti puoi annoiare; in macchina puoi trovare di tutto, dai Justice a Battisti!
MyRock: La vostra iniziativa su Faceook 1Like=1CD sembra molto interessante, siete presenti anche su Spotify e su tutti i social network, ciò denota molta attenzione da parte vostra verso le nuove tecnologia ed i canali di promozione alternativi a qulli classici, qual’è la vostra posizione in merito a tutto ciò ed anche alla pirateria ed al diritto d’autore?

Kobe: L’iniziativa 1Like=1CD è stata molto divertente. Abbiamo deciso di organizzare una vera e propria “promozione” per far conoscere la nostra musica, distribuire il nostro cd “Distrazioni Urbane” (attualmente in vendita su iTunes e i principali digital stores) e aumentare i cosiddetti “likers” della nostra fan page: per circa 15 giorni, chiunque lasciasse un “like” sulla nostra pagina Facebook (www.facebook.com/kobemusic) e il proprio indirizzo email, riceveva immediatamente il nostro cd in formato digitale. L’operazione è riuscita molto bene, la pagina ha mosso molti like e suscitato l’interesse di chi ancora non aveva il cd. Nei giorni successivi abbiamo anche notato che altre band ci “copiavano” per così dire l’iniziativa, segno che aveva funzionato! In generale quindi prestiamo molta attenzione ai social media perchè altrimenti non potrebbe essere nel 2013. Ti offrono delle opportunità di promozione indiscutibili e se sei bravo ad usarli puoi anche averne un buon riscontro. Ci teniamo a sottolineare però che la musica è un’altra cosa. La musica va suonata, una band deve esibirsi live, quello è il vero social media, il vero aggregatore. Spesso vediamo band che passano la giornata a caricare foto instagrammate sulle loro pagine facebook da migliaia di fan e magari fanno 3 concerti all’anno. Che tristezza! Per quanto riguarda la pirateria invece abbiamo una posizione di apertura ma fino a un certo punto: sappiamo bene cosa voglia dire in termini di costi e fatica realizzare un disco perchè “Distrazioni Urbane” è stato realizzato interamente nel nostro “K Factory Studio”, la fucina creativa dalla quale escono produzioni musicali complete, dalle pre-produzioni alla stampa del disco. Ciò significa avere la misura e il valore della produzione artistica, troppo spesso colpita dalla pirateria. Allo stesso tempo siamo i primi a vendere il nostro cd a prezzi popolari, o a regalarlo direttamente a qualche fan che ci stia particolarmente simpatico!
MyRock: Quali sono i progetti per il futuro?

Kobe: I nostri progetti per il futuro sono abbastanza chiari e semplici: vogliamo far conoscere a più persone possibili la nostra musica. Può sembrare una banalità ma non lo è. Oggi è sempre più difficile farsi notare o lavorare con qualche etichetta discografica, quindi le band devono fare tutto da sole. Abbiamo già in cantiere parecchi brani nuovi e non vediamo l’ora di preparare il nuovo disco. Ma per il momento ci concentriamo sulla promozione di “Distrazioni Urbane” e sull’intensa attività live. Inoltre siamo appena usciti con il videoclip del brano “Ora” (visibile su youtube http://www.youtube.com/watch?v=kOG82tKRwlA) e intendiamo presto realizzarne uno nuovo!
MyRock: Se poteste scegliere una band o un artista con cui collaborare nel vostro prossimo album, chi scegliereste e perchè?

Kobe: Potremmo risponderti qualche grande del passato, magari che non c’è più, ma preferiamo rimanere sul concreto... Potendo scegliere credo ci piacerebbe fare collaborazioni con altri gruppi come noi ma di altre città, in modo da miscelare il Suono di Torino con altri sound tipici di altre città e culture, magari anche non italiane. Crediamo che la contaminazione di idee e culture diverse sia fondamentale nella musica così come nella vita, quindi potrebbe essere interessante unire al nostro suond qualcosa di completamente diverso. Credo ci farebbe capire molte cose sul modo di concepire la musica.

Per chi volesse conoscere meglio questa band emergente eccovi un po' di contatti:

www.kobemusic.it
www.facebook.com/kobemusic
www.youtube.com/kobemusictv

Be the first to comment!
 
Leave a reply »

 

Leave a Response