861 views 0 comments

Il re-loaded del Deposito Giordani: dal 25 Gennaio nasce il Naonian Concert Hall a Pordenone

by on 29 dicembre 2013
 

E’ stato indubbiamente un anno difficile quello trascorso dal Deposito Giordani. Importante centro culturale e musicale dell’area pordenonese, colpito duramente dalla crisi e dai tagli di fondi conseguenti, aveva dovuto infatti gradualmente ridurre le proprie attività, con anche una ventilata ipotesi di chiusura definitiva smorzata poi dalla comune richiesta, divagata anche per mezzo web, di mantenere in vita una delle ormai poche realtà rimaste della zona divenuta negli anni un importante simbolo per la scena culturale indipendente.

Il vuoto nella programmazione degli ultimi mesi aveva fatto temere per il peggio, ma pare invece che il periodo di pausa servisse come base per riorganizzare la nuova stagione. La gestione Nuove Tecniche fa infatti sapere tramite comunicato stampa pubblicato sulla pagina ufficiale che la programmazione eventi riprenderà dal 25 Gennaio 2014 (in concomitanza con l’annuale Fiera del Disco di Pordenone) con un nuovo indirizzo più orientato alla musica live:

“Dal 25 gennaio 2014 la struttura, una autorimessa delle corriere diventata nel 2002 centro per la musica e la creatività giovanile avrà un indirizzo prevalentemente rivolto alla musica dal vivo. Nella Regione Friuli Venezia Giulia il Deposito Giordani, che non è né un teatro né un palasport, rimane l’unica struttura destinata in origine alla musica dal vivo, con il palco che mette in contatto artista e pubblico.”

Il target sarà, a detta dell’organizzazione, quello di riuscire a proporre un evento a settimana “tenendo conto ovviamente delle disponibilità artistiche e dei tour, anche integrando altre iniziative territoriali”. L’inizio del nuovo progetto, che avrà una durata triennale, sarà sancito anche da una nuova denominazione della struttura che proprio dal 25 Gennaio verrà presentata come Naonian Corcert Hall.

La programmazione eventi non è ancora stata svelata, ma si spera che con i primi giorni del nuovo anno si possano già apprezzare i primi annunci di questo nuovo e importante inizio.

Be the first to comment!
 
Leave a reply »

 

Leave a Response